Tutto quello che serve sapere sul Feedback

Che cos’è un feedback? Partiamo subito con la definizione tecnica. Nelle discipline scientifiche, un feedback è un segnale di ritorno al sistema che consente al sistema stesso di variare e correggere opportunamente il funzionamento.

In pratica, nei meccanismi, nei circuiti, nelle routine informatiche, negli organismi il feedback è necessario perché consente ai sistemi di funzionare correttamente.

La stessa cosa succede nell’ambiente di lavoro: il feedback consente alle organizzazioni di funzionare correttamente.

Più avanti andrete nella vostra carriera, più feedback darete e riceverete. Quindi è molto importante capire come darli nella maniera più corretta.

Un buon feedback è un commento oggettivo dato da un adulto che ha la responsabilità del funzionamento dell’azienda (o del team) a un altro adulto, che ha la responsabilità di svolgere una parte del lavoro. Il rapporto che il sottoposto ha col capo è un rapporto di interdipendenza, non di dipendenza.

Il feedback non è un voto né un attacco personale! Ma si basa su due fattori comuni: il rispetto e l’apertura.

Chiaramente è normale essere infastiditi quando si riceve un commento negativo sul proprio comportamento, e le emozioni che suscita il feedback variano in base al carattere ma anche in funzione di come viene veicolato il messaggio. Si può provare semplice irritazione, o addirittura risentimento, ma anche frustrazione, collera. Nei casi peggiori un feedback può suscitare in chi lo riceve una specie di paralisi, che fa sentire la persona inetta.

Normalmente il feedback è più produttivo e genera meno emozioni negative quanto più è dato con rispetto ed apertura.
Il rispetto implica che il messaggio sia esente da biasimo, generalizzazioni, pregiudizio e violenza verbale; l’apertura è quella disposizione all’ascolto che fa sì che la comunicazione non sia a senso unico.

Per imparare a ricevere feedback potete procedere in questo modo:

  • Accettatelo perché è una parte essenziale della vostra crescita (e richiedetelo quando non vi viene dato spontaneamente);
  • Analizzatelo per capire pienamente e chiaramente quale è il messaggio;
  • Se non vi convince, riparlatene col vostro capo e/o con un altro mentore in azienda;
  • E se il feedback riguarda un comportamento da modificare, “azionatelo”, cioè definite insieme al vostro responsabile un percorso di miglioramento.

 

Logo ADF

Autore: Redazione

La redazione di ADF si occupa di cercare nuovi spunti e idee per gli articoli del nostro blog, tenere i contatti con gli autori, condividere gli articoli anche sui nostri social network... In poche parole tenervi sempre aggiornati su tutto quello che succede in Accademia della Felicità.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.