Pace e Felicità: due emozioni da conoscere e riconoscere

Pace e felicità sono due espressioni che vengono spesso confuse e fraintese, ma seppure connesse tra loro, non sono la stessa cosa. La parola felicità ha radici sanscrite, bhu, ma anche greche, φύω (fio) da cui derivano i termini fecondo e feto. In latino, foelix (o felix), ovvero fecondo, fertile e – in senso più esteso – soddisfatto, appagato. L’etimologia della parola ci dice quindi che la felicità indica un senso di soddisfazione, appagamento, gratificazione.

La natura della felicità

Ma che cosa ci appaga, e dunque, ci rende felici? L’oggetto della soddisfazione può variare a seconda del soggetto: una promozione lavorativa tanto ambita, un incontro amoroso, un momento condiviso con una persona cara. Ma attenzione: l’appagamento non va interpretato come la realizzazione di una pulsione primaria e istintiva, come mangiare. Stiamo parlando invece di desideri più profondi, intimi, di natura personale o professionale, strutturati e stratificati, e con uno specifico obiettivo. Quando ci prepariamo ad una gara, fatichiamo, lottiamo per raggiungere lo scopo, e alla fine vinciamo, ci sentiamo felici, gratificati, appagati. Le endorfine ci scorrono nel sangue. Tuttavia, la felicità è uno stato d’animo di passaggio, veloce e fugace. Subito dopo la premiazione della gara, infatti, subentreranno nuove domande, dubbi e preoccupazioni: vincerò anche la prossima? Ho commesso degli errori? Mi merito la vittoria? La felicità di quel momento è già svanita, come un prezioso traguardo effimero che si dissolve nell’aria.

È proprio in questa fragile impermanenza che si trova la natura profonda della felicità. È in questo suo limite temporale che sta la sua importanza: se la felicità durasse a lungo, non ci sentiremmo mai motivati ad affrontare nuove sfide che la vita ci pone davanti. La temporaneità di questa condizione è il motivo per il quale siamo spinti a ricercarla, dedicandovi molte delle nostre energie, e talvolta perdendoci. Qui entra in gioco la pace.

Il ruolo della pace

La radice sanscrita di pace significa pak – o pag – cioè fissare, pattuire, legare, saldare, e da essa derivano i concetti di “pagare” e “patto”. Nel latino pax, la pace viene intesa come quella preziosa condizione di armonia, quel sentimento di unione che lega individui e popolazioni. Infatti, è stata spesso usata per indicare quella condizione di concordia in antitesi alla guerra. Ma nei secoli si è trasformata in una parola dall’accezione interiore: la pace interiore è una condizione diffusa di serenità emotiva e psicologica.

Il flusso costante di pensieri, le azioni quotidiane che compiamo, incluse quelle automatiche, ci distolgono facilmente dal momento presente e dalla nostra piena coscienza. In questo caos interiore, che cosa possiamo fare per ritrovare la pace e finalmente riconoscerla? L’invito è a vederci come osservatori oggettivi di ciò che accade fuori e dentro di noi, in modo da acquisire una maggiore consapevolezza di noi stessi. La via più immediata per raggiungere questo traguardo è la meditazione: la pratica meditativa stimola la produzione della prolattina e della melatonina, inducendo un diffuso senso di benessere, rafforzato e stabilizzato dalla diffusione della serotonina e della noradrenalina. Quando meditiamo, quindi, ci sentiamo più stabili, energici, radicati nel nostro corpo e nel nostro spirito. È qui e ora che riconosciamo la pace.
La mente di chi medita con assiduità si trasforma, o meglio, si evolve. Va in una direzione diversa dal pilota automatico che ci muove, una direzione meno schiava dei sensi e delle emozioni e più propensa all’empatia.

Come riconoscere la felicità e la pace dentro di noi

La felicità e i meccanismi che la regolano fanno parte dell’essere umano: è impossibile negarsi la costante ricerca di essa. Fa parte di noi. La vera domanda da farsi è: quanto la mia visione della felicità è influenzata dall’esterno e quanto è mia?

Per approfondire ti consigliamo di prendere un quaderno e rispondere con calma a questa e ad altre domande:

  • Che cosa rappresenta per me la felicità, intesa come breve momento di appagamento e soddisfazione?
  • Da chi o da che cosa sono suggestionat*?
  • Se vivessi in un mondo dove il successo e gli standard non esistono, la mia idea di felicità sarebbe la stessa?

La pace, d’altro canto, è un’emozione più persistente e duratura, che va ricercata al di là degli obiettivi raggiunti. Rispondi ora a queste domande:

  • Quando riesco a stare nel qui e ora?
  • Quando la mia mente non vaga nel flusso dei pensieri?
  • Quando riesco a non preoccuparmi (pre-occuparsi, occuparsi prima)?

Essere in linea con le proprie emozioni, i propri valori e l’idea della vita che abbiamo equivale a sperimentare la pace.

Per essere in pace con noi stessi non possiamo perdere le occasioni di essere felici, ma per essere davvero felici, dobbiamo aver trovato la nostra pace. Questo è il meraviglioso legame che lega felicità e pace, le fa incontrare, ma mai essere la stessa cosa.

Logo ADF

Autore: Redazione

La redazione di ADF si occupa di cercare nuovi spunti e idee per gli articoli del nostro blog, tenere i contatti con gli autori, condividere gli articoli anche sui nostri social network... In poche parole tenervi sempre aggiornati su tutto quello che succede in Accademia della Felicità.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.