Elimina le cose inutili: minimalismo e decluttering nel business

In Italia chi lavora in proprio ha in genere un team molto piccolo o, nella maggior parte dei casi, è un’azienda formata da una sola persona, per citare Paul Jarvis. Il che significa che mentre le cose da fare, e a cui pensare, sono tante, la forza lavoro che se ne occupa è ridottissima.

In una situazione del genere, per poter lavorare con efficacia e profitto è fondamentale semplificarsi la vita, ovvero concentrare le proprie energie sulle attività essenziali, snellire i processi, fare un po’ di sano decluttering e ridurre il numero di strumenti che usiamo, digitali e non.

Sconfiggi la fatica decisionale fissando delle priorità

Creo un ebook oppure tengo un workshop? Comunico su Instagram oppure su LinkedIn? Ma non sarà meglio fare tutto — l’ebook, il workshop, un corso, un podcast, una diretta su Facebook e un Q&A su Twitter?

Quando sei di fronte a troppe scelte, il tuo cervello si stanca, non funziona al meglio delle sue possibilità e ti fa prendere decisioni che in condizioni di maggiore lucidità non avresti preso (tipo comprare quel software per fare animazioni video che poi non hai mai usato).

Per non farlo stancare, devi ridurre le opzioni che hai. E per ridurre le opzioni — e la confusione — il metodo che funziona sempre è tornare alle basi della tua attività e poi ragionare sugli obiettivi specifici per stabilire le tue priorità legandole a doppio filo alle tue motivazioni profonde.

In questo modo rimarrai fedele alla tua visione del mondo e non sentirai di dover provare questa o quell’altra attività solo perché a qualcun altro ha dato ottimi risultati o perché è il trend del momento.

Quindi in una prima fase ragiona su

  • perché fai quello che fai;
  • la mission della tua attività;
  • la vision;
  • i valori;
  • la tua definizione di successo;
  • i tuoi clienti tipo.

Dopodiché chiediti quale obiettivo vuoi raggiungere in questo momento, per esempio in questo trimestre o semestre.

A questo punto metti sul piatto tutte le attività che avevi in mente di fare e valutale. Dopodiché scegli quella che ti fa avvicinare di più al tuo obiettivo e che ti può portare maggior valore, rispetto a tutto quello su cui hai ragionato prima.

Bene, questa attività è la tua priorità per il periodo di tempo che hai preso in esame. Le altre puoi segnarle nel tuo taccuino delle idee e prenderle in considerazione più avanti.

Semplifica, riduci e fai decluttering

Per lavorare con serenità hai anche bisogno di ottimizzare i processi. Per esempio, se ci sono email più o meno standard che scrivi spesso, crea un modello che puoi riutilizzare senza ritrovarti sempre a scrivere tutto da capo.

O magari pubblichi dei post sul tuo blog e ogni volta devi ricordarti tutti gli step per completare l’operazione (parole chiave, ricerca, bozza, revisione, meta description, ecc): crea una checklist di tutto quello che devi fare e tienila a portata di mano.

Dopodiché fai un’analisi dei software che usi: ti servono tutti? Ci sono software che si integrano fra loro e possono farti risparmiare qualche passaggio? Ce ne sono altri che invece ti fanno allungare i tempi?

Verifica anche gli abbonamenti attivi, magari ci sono un paio di app che non usi da mesi ma che non hai ancora disdetto.

Poi fai un po’ di decluttering fisico e digitale. Dai un’occhiata alla tua scrivania, al tuo computer, al tuo telefono e alle tue email: c’è qualcosa che non ti serve più, non c’è bisogno di conservare e puoi buttare?

Se per la scrivania forse dare una riordinata è più semplice, con i file digitali sembra sempre un’impresa impossibile perché, non accorgendoci dello spazio che occupano, tendiamo ad accumulare. Perciò di consiglio di fare ordine un poco alla volta e poi stabilire un momento della settimana dedicato alla revisione e al riordino, in modo da evitare il più possibile di tornare al caos iniziale.

Per rendere il tuo cervello meno stressato e più felice, riduci e riordina la mole di informazioni che ti travolge ogni giorno: cancella l’iscrizione alle newsletter che non ti interessano più, abbandona gruppi Facebook, disattiva le notifiche delle app, accedi ai social in maniera consapevole per non farti risucchiare dal flusso infinito dei post.

Rispetta e fai rispettare il tuo tempo

Non accettare lavori o collaborazioni o clienti se non sono allineati con i tuoi piani e se, come dicevo all’inizio, non ti portano valore.

Spiega con chiarezza ai tuoi clienti quali sono i metodi per contattarti e quali sono i tuoi orari di lavoro e i tuoi tempi di risposta.

Delega, se ne hai la possibilità, i compiti che ti costano tempo, impegno e fatica cognitiva.

Concentrati sull’essenziale per far crescere l’attività

Tenendo a mente le tue priorità e liberandoti del superfluo che occupa la tua mente, potrai focalizzarti su quello che conta per il tuo business. Potrai farlo crescere rimanendo fedele a te stesso, ascoltando i tuoi clienti e creando un’offerta su misura per loro. Perché quello che funziona è avere prodotti, promozioni, contenuti giusti per i tuoi clienti e non più prodotti, più promozioni, più contenuti.

Giada Centofanti

Autore: Giada Centofanti

Sono un sacco di cose, ma soprattutto sono curiosa. La mia curiosità mi ha permesso di aprirmi sempre a nuovi percorsi e così, dopo una vita nella comunicazione offline e online, nel 2018/2019 ho frequentato il Master in Coaching di ADF e sono diventata coach. Oggi affianco i coraggiosi che lavorano in proprio e che lo fanno con etica, intenzione e significato. Insieme lavoriamo su identità del business, comunicazione ma anche self-care. Li aiuto a credere nel proprio valore e in quello della loro attività e do loro gli strumenti per raggiungere il successo alle loro condizioni e avere tempo e spazio per sé.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.