Come riconoscere i vampiri energetici

Capita a tutti, a un certo punto, di rendersi conto di avere nella propria vita un “vampiro energetico”. Il vampiro energetico è una persona che “succhia” la tua linfa vitale ogni volta che trascorrete del tempo assieme o che hai dei contatti con lei. Il suo compito è quello di farti sentire depresso o inadeguato, a seconda delle circostanze. Se raggiungi un traguardo a cui tieni, il vampiro cerca di minimizzare o di sgonfiare il tuo entusiasmo. Le vostre conversazioni sono sempre monopolizzate dai suoi problemi, con relativo carico di pesantezza e senso di oppressione.

COME INDIVIDUARE I VAMPIRI ENERGETICI NELLA TUA VITA

Se sei in una fase di rinnovamento della tua vita, in cui vuoi eliminare ciò che non ti serve più, e tagliare i rami secchi che non danno più frutti, forse è il momento di liberarti di questi finti amici. Passa in rassegna tutte le tue relazioni e cerca di capire:

  • Chi ti fa sentire bene;
  • Chi sei sempre contento di vedere e sentire;
  • Chi ti sostiene in ogni occasione;
  • Chi non ha paura di sognare e cerca di risolvere in modo costruttivo i propri problemi (anziché lamentarsi senza passare all’azione).

Poi fatti queste domande:

  • Quali sono le persone che mi fanno sentire sbagliato?
  • Quali sono quelle che non condividono o supportano i miei obiettivi?
  • Perché voglio essere loro amico?

PERCHÉ CONTINUIAMO AD AVERLI COME AMICI

La risposta all’ultima domanda ti sorprenderà. Per ogni persona che puoi classificare come vampiro energetico, è molto probabile che la ragione per cui continui a frequentarla è che ti ostini a vedere il suo potenziale. Non importa quanto le sue lamentele siano invasive, non importa quanto le sue critiche ti facciano star male, tu stai aspettando che la sua parte migliore venga alla luce, che prima o poi si desti dal suo torpore e manifesti un sincero desiderio di rivoluzionare in meglio la sua vita.

Nel frattempo, però, nel relazionarti con quei presunti amici, continui a sentirti frustrato, ansioso e ignorato. Abbiamo imparato che un buon amico, un amico vero, si vede nel momento del bisogno. E che amici saremmo se abbandonassimo delle persone che sono – o ci sembrano – seriamente in difficoltà? Per questo motivo, ci preoccupiamo di essere una spalla perfetta su cui piangere, spesso arrivando a trascurare noi stessi e spegnendo la nostra “luce” interiore.

COME DIVENTIAMO VITTIME DEI VAMPIRI ENERGETICI

Molto spesso i vampiri energetici trovano le loro vittime quando queste stanno attraversando una fase difficile e negativa. Quando stiamo affrontando un periodo di down emotivo, infatti, siamo facili e inconsapevoli prede dei vampiri energetici. È più semplice cadere nella tentazione di autocommiserarsi, giudicare il prossimo e preoccuparsi di cose poco rilevanti quando incontriamo qualcun altro che si comporta nello stesso modo, anziché incoraggiarci a uscire dal nostro stato depressivo. In un momento di fragilità emotiva, più frequentiamo persone che hanno una scarsa opinione di sé e tendono a incolpare il mondo per i loro problemi, maggiori saranno le probabilità che seguiamo il loro esempio.

I vampiri energetici vogliono che tu sia come loro, che tu sia paralizzata dalla paura.

COME NEUTRALIZZARLI

Quando riesci a comprendere questo meccanismo, realizzi che quelle persone non sono davvero tue amiche. E allora inizi a riprenderti, e decidi che non t’importa ciò che gli altri pensano di te, e che l’unica cosa che conta è vivere una vita coerente con i tuoi valori, con la persona che sei. Quando sei pronto a fare un lavoro di potatura del superfluo, inizi a scavare profondamente dentro di te. Una fase importante è chiederti quali sono le persone che puoi davvero considerare amiche. Ecco allora che ti renderai conto che alcune persone non fanno altro che passare il tempo a lamentarsi e a giudicare gli altri. Quando ti liberi dei vampiri energetici, ritrovi la tua produttività, la tua autostima aumenta e inizi a vedere opportunità ovunque. La qualità della tua vita migliora notevolmente e tu ti senti molto più felice e positivo.

COME SMASCHERARE E SCORAGGIARE I VAMPIRI ENERGETICI

  • Dichiara subito le tue intenzioni. Nella vostra prossima conversazione potresti, ad esempio, dire: “oggi voglio parlare solo di pensieri positivi. Voglio che mi racconti tutto ciò che di bello sta succedendo nella tua vita. Raccontami i tuoi sogni e architettiamo una strategia per realizzarli”. So che può sembrare strano iniziare una conversazione con una simile dichiarazione d’intenti, ma ti assicuro che funziona. Quando il tuo vampiro inizia a lamentarsi, faglielo notare e cambia subito argomento. Se la persona che hai di fronte è una di quelle che vogliono parlare solo di pettegolezzi o criticare il prossimo, si sentirà scoperta e, poco alla volta, smetterà di chiamarti.
  • Continua a migliorare te stesso. Più passi in avanti fai nella tua crescita personale, maggiore sarà il numero delle persone negative che si allontaneranno da te. Le persone che, invece, saranno ispirate da te nonostante la loro tendenza al piagnisteo e alla depressione, resteranno al tuo fianco e il vostro rapporto cambierà in meglio. Ci sarà infatti spazio per il sostegno reciproco e per la crescita.

Abbiamo l’opportunità di rendere prezioso ogni secondo della nostra vita, iniziando dalle persone che frequentiamo. Circondati di persone positive e incoraggianti e la qualità della tua vita migliorerà all’istante.

Autore: Francesca Zampone

Nel 2011 sono stata chiamata da Marco Bonora per contribuire alla fondazione di Accademia della Felicità. Sono Coach dal 2005 e mi occupo di Career Coaching e Talent Management dallo stesso anno. Mi sono occupata a lungo di Diversity e Change Management in ambito risorse umane fino a diventare la responsabile risorse umane della mia casa discografica del cuore. Negli ultimi anni mi sono specializzata in Coaching delle relazioni e ho sviluppato un sito dedicato alle mie attività personali: www.francescazampone.com. Ho 48 anni, vivo e lavoro a Milano, ma Londra è la mia città del cuore. Sono appassionata di comportamento umano, musica, letteratura, cinema.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *