Renditi Visibile

Una volta una giovane donna si era rivolta a me perchè si sentiva “tagliata fuori dalla vita”. Desiderava la compagnia di un uomo, ma nessuno pareva interessarsi a lei. Durante il dialogo emerse che si era praticamente resa irraggiungibile.

Il suo ufficio si trovava alla fine di un corridoio in una sezione isolata dell’edificio dove lavorava, un luogo dove non passava mai nessuno. Ogni giorno pranzava nel suo ufficio invece di mescolarsi con la gente in mensa. Il vertice estremo di tale tecnica di isolamento consisteva nell’aver tolto il suo numero di telefono dall’elenco ! E nonostante tutto non si rendeva conto di aver minuziosamente progettato e realizzato la sua solitudine.

Quella splendida giovane donna era convinta che nessuno avrebbe mai provato attrazione per lei. Temeva che, rendendosi visibile, non avrebbe trovato nessuno che si sarebbe interessato a lei, e ciò l’avrebbe distrutta. Per eludere la conferma delle sue peggiori paure aveva semplicemente reso impossibile l’eventualità di essere, in modo diretto o indiretto respinta.

La tragedia, naturalmente, era che, se non si fosse isolata dal resto del mondo, avrebbe scoperto di essere attraente e avrebbe conquistato la relazione che desiderava.

Qualche volta capita di amare a tal punto una persona da non comprendere come mai lui o lei non siano disposti a dedicarti completamente ogni ora della propria vita. Ma ogni persona meravigliosa è e resta una persona. Rendersi conto che si tratta di esseri umani e non di creature divine dovrebbe spianare la strada per avvicinarsi a loro. Sognare ad occhi aperti un incontro non ti porterà da nessuna parte. Fai tu il primo passo. Non cercare intermediari.

Da “Su con la vita, Charlie Brown!” di Abraham J. Twerski – Mondadori

Autore: Marco Bonora

Introverso, ingombrante, risvegliato a 40anni da coma lavorativo cerca disperatamente persone appassionate di qualsiasi cosa. Offro ironia caustica, soluzione problemi, creatività, cucina gourmande e musica indie/alternative. Astenersi perditempo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *