Qualcosa da desiderare

Profonda Cura di Sé, questa sconosciuta. Is that time of the year again: il lavoro che impazza, il trasloco nella nuova sede di Accademia, crucci famigliari più o meno gravi, i piani per il 2014 e…non solo non ho più tempo per il mio doppio scrub settimanale, per le mie maschere per il viso, per scegliere il profumo intonato alla giornata o una collana che mi è simpatica, no. Purtroppo non riesco neanche ad andare a piedi al lavoro, a vedere le mostre dell’Autunno o a farmi una delle mie amate Escursioni Creative con solo 10 euro in tasca. Cosa fare?

Torno alle mie guru predilette ed ai loro programmi in corso e passati – conservo tutto per fortuna – e decido che:

–       Tornano scrub e mascherine (e magari anche un po’ di make up!, magari)

–       Taglio i capelli (tatatatam!)

–       Vado o torno dal lavoro a piedi almeno 6 volte alla settimana

–       Rivedo il guardaroba autunnale in una chiave pratica ma girly (ce la farò?)

–       Riprendo la buona abitudine degli aperitivi non professionali e del teatro/cinema da sola quando mi gira

E voi cosa fate per prendervi cura di voi?

With a little help from:

Gala Darling

Sas Petherick

Rachel W. Cole

Mara Glatzel

Viva i Social!

Abbasso i Social!

Voi da che parte state? Io da quella di una curiosona che deve limitare il suo tempo sui network virtuali perché se no ne perde troppo e infatti sono andata sulla pagina di Alexandra Franzen a farmi ispirare un po’:

16 cose da fare lontano dai Social – Scelte a caso

  1. Ballare
  2. Fermarsi in un posto e guardare il mondo che passa
  3. Yoga
  4. Pilates
  5. Pulire
  6. Fare spazio in casa (declutter)
  7. Rifare casa
  8. Rifarsi il look
  9. Cucinare
  10. Uscire a cena in un posto nuovo
  11. Creare un giardino
  12. Dipingere
  13. Imparare a leggere le stelle
  14. Giocare
  15. 15.  Imparare qualcosa di nuovo
  16. 16.  Imparare una lingua nuova

Alexandra Franzen – 78 (legal, wholesome, cheery) things to do on your digital sabbatical

Alexandra Franzen – Heat wave hermitage & the rules of (dis)engagement…


DUE LIBRI

Intuitive Eating – Evelyn Tribole

Bridget Jones: Mad About the Boy – Helen Fielding

UN FILM

Oh Boy!

 

Autore: Marco Bonora

Introverso, ingombrante, risvegliato a 40anni da coma lavorativo cerca disperatamente persone appassionate di qualsiasi cosa. Offro ironia caustica, soluzione problemi, creatività, cucina gourmande e musica indie/alternative. Astenersi perditempo