Il dispiacere va bene, ma entro certi limiti

Pentirsi di qualche negligenza è un atteggiamento encomiabile, ma può rivelarsi deleterio se esasperato. Talvolta il senso di colpa è talmente forte da paralizzarci e ridurci a pensare “A che serve ? Qualsiasi cosa faccia non va bene comunque”. Così invece di andare avanti correggendo i nostri errori, non facciamo assolutamente nulla.

Se hai fatto qualcosa di sbagliato, sentiti pure in colpa. Chiedi scusa e se puoi rimediare, fallo. Studia il sistema per evitare di ripetere l’errore, e poi continua la tua vita. Visto che la maggior parte delle persone impara solo sbagliando, considera l’incidente come un eccellente esperienza istruttiva. Se permetti al tuo senso di colpa di avere la meglio, non arriverai da nessuna parte.

Da Abraham j. Twerski – Su con la vita, Charlie Brown! – Mondadori

Autore: Marco Bonora

Introverso, ingombrante, risvegliato a 40anni da coma lavorativo cerca disperatamente persone appassionate di qualsiasi cosa. Offro ironia caustica, soluzione problemi, creatività, cucina gourmande e musica indie/alternative. Astenersi perditempo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *