Amare il cammino della propria vita

Amate la vita che state conducendo? La strada che state percorrendo nella vostra vita? Sì, sappiamo che questa è una domanda complessa a cui rispondere non è facile. Qualcuno di voi starà cercando di prendere in mano le redini della propria vita per condurla dove pensa sia meglio, altri invece staranno vivendo quello che gli accade curiosi di dove saranno condotti. Non importa quale modo di vivere la vita abbiate scelto la domanda che abbiamo posto è SE amate il cammino che state compiendo.

La risposta forse più comune sarà che “dipende” che ci sono dei giorni in cui si è felici e sembra tutto positivo e giorni in cui tutto sembra ricoperto di incertezza. Stiamo davvero vivendo nel modo migliore possibile? Ci sono cose che andrebbero cambiate? Ci sono cose che vogliamo cambiare? Quale sarebbe il nostro percorso ideale?

Alle volte potrebbe sembrare di non averla, una strada. E’ importante invece ricordare che ognuno di noi sta, in qualche modo, seguendo il suo percorso e che amarlo è una questione di atteggiamento. Se amate la strada che state percorrendo ne amerete anche i cambi di direzione, le svolte e le decisioni che sarete chiamati a prendere. Amare il proprio percorso non significa continuare nella stessa direzione ma accettare le curve, le salite e le discese che ogni vita porta con se. Accettare la propria vita e amarla. Se riuscite a fare questo salto sarete più felici. Garantito.

Come amare il proprio cammino:

  • Accettare se stessi. Non importa quale sia il vostro obiettivo o il vostro scopo di vita. Il modo migliore per amare il vostro percorso,  realizzare i vostri sogni  e raggiungere i vostri obiettivi è quello di amare voi stessi. Per come siete. Voi siete la forza trainante che sta dietro il vostro scopo di vita. Fate qualsiasi cosa sia necessaria per portarvi rispetto, accettarvi e amarvi. Questo è il primo passo per far pace con la propria vita e iniziare ad amare il proprio percorso.
  • Lasciate andare il passato. Quando la vostra mente è rivolta costantemente al passato, per voi è impossibile vivere il presente e andare avanti. Ricordate a voi stessi che il passato, sia esso positivo o negativo, è terminato. Non potete tornare indietro e non potrete mai più essere le persone che eravate un tempo. La persona che siete ora è quella su cui vi dovete concentrare, quella che dovete conoscere, accettare ed amare. Pensare al passato ci fa spendere energie che potrebbero essere meglio investite sul percorso che state conducendo. Imparate dal passato, amatelo, se potete, ma lasciatelo andare . Avete bisogno delle lezioni  del passato ma non dei suoi bagagli.  Mollate i bagagli e proseguite leggeri, il percorso sarà meno faticoso.
  • Credete nella bellezza della vita. Spesso non siamo sicuri di quale sia davvero l’ultimo scopo della vita, quello che va oltre la nostra ambizione e la nostra idea di realizzazione personale. E se il vero e ultimo scopo della vita fosse solo quello di vivere la nostra vita in maniera piena e con entusiasmo? Accettare e apprezzare i momenti brutti e tristi per permetterci di godere ancora di più, dopo, di quelli belli. Prendete i momenti difficili come momenti per costruire la consapevolezza della bellezza della vita. Dopo un momento difficile tutto ci sembra più intenso, profondo, bello, utile, vero. Vedere la nostra vita come parte di qualcosa di più grande aiuta ad apprezzare ciò che abbiamo e che viviamo.
  • Smettete di preoccuparvi di ciò che accadrà in futuro. Non è possibile conoscere il futuro quindi perché ve ne preoccupate tanto? Ok, la questione non è proprio coì semplice. Ci sono conti e bollette da pagare, bocche da nutrire, impegni da prendere, persone da accudire, lavori da svolgere. Tuttavia più vi preoccupate del futuro più vi sentireste stressati e preoccupati e meno riuscirete a vivere il presente (l’unico momento che ha la garanzia di accadere).  Se non state vivendo nel presente allora non state davvero amando il sentiero che state percorrendo, state invece cercando qualcosa di diverso e migliore nel futuro. Invece,  è importante far diventare diverso il presente, l’unico momento su cui abbiamo realmente potere. Fate piani per il futuro ma non guardatelo come un luogo/momento in cui sarete più felici, ricchi e migliori di ora se non siete in grado di apprezzare il presente. Se non siete in grado di apprezzare il presente, molto probabilmente non sarete in grado di apprezzare il futuro.
  • Amate la vostra vita, proprio come è ora. Più facile a dirsi che a farsi? Sicuro ma vale la pena almeno di provarci. Siete in grado di dire che amate completamente la vostra vita per come è ora? Siamo sicuri che molti direbbero di no.  Provate però per un attimo a pensare che non c’è niente di sbagliato e che tutto accade per una ragione. Pensare in questo modo aiuta ad essere in pace con il mondo e con se stessi e aiuta a concentrarsi sul presente lasciando andare il passato e non preoccupandosi del futuro.  Non è facile avere questo atteggiamento ogni istante ma è sicuramente un valido aiuto in alcune situazioni e soprattutto è un ottimo allenamento alla gioia di vivere.

 

Autore: Marco Bonora

Introverso, ingombrante, risvegliato a 40anni da coma lavorativo cerca disperatamente persone appassionate di qualsiasi cosa. Offro ironia caustica, soluzione problemi, creatività, cucina gourmande e musica indie/alternative. Astenersi perditempo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *