15 cose da fare e pensare subito quando vi alzate e vi sentite un po’ giù

 

Il post di oggi è un bigino di cose sagge da fare e da pensare se appena tornati al lavoro dopo le ferie natalizie vi sentite giù:

  • Pulite e declutterate (riordinate, riorganizzate, buttate via quello che non serve)  la vostra stanza da letto
  • Meditate per 5 minuti 3 volte al giorno va bene qualunque posto, anche il bagno dell’ufficio, la Mindfulness è una tecnica immediata e molto utile
  • Pulite e riordinate la vostra scrivania
  • Fate almeno un complimento al giorno a chiunque: collega/amico/barista/vicino di casa…
  • Bevete un bicchiare d’acqua a stomaco vuoto al mattino appena svegli
  • Affrontate per prime le attività più pesanti della giornata
  • Autoscrivetevi un bigliettino d’amore e di complimenti al giorno
  • Fate una passeggiata all’aperto, anche breve, almeno una volta al giorno
  • Usate la Pomodoro Tecnique 
  • Provate a dimezzare le porzioni di cibo per una settimana e guardate l’effetto che fa!
  • Acquistate un quadernetto apposta per segnare tutto quello che spendete e fate una verifica settimanale
  • Se tutto va storto rifugiatevi in un cinema o nei vostri film preferiti
  • Tenete un diario
  • Decidete una cosa nuova da imparare quest’anno (e iscrivetevi, acquistate un libro, insomma, iniziate a imparare)
  • Scegliete con intelligenza le persone con cui passate più tempo, a volte soli è meglio
  • Leggete tutti i giorni i ricchissimi siti di Leo Babauta  e Courtney Carver
Francesca Zampone

Autore: Francesca Zampone

Talent Manager, Formatrice, Career Counselor, Personal e Business Coach. Dopo anni di carriera in ambito aziendale nel 2011 insieme a Marco Bonora ho fondato Accademia della Felicità, una realtà che ha al centro le persone e i loro desideri. Siamo una società di formazione e coaching: il nostro principale obiettivo è aiutare le persone a trovare la loro felicità, in ambito personale e professionale. Sono appassionata di comportamento umano, musica indie, cinema e letteratura.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *