Come realizzare un Action Plan efficace

Qualunque progetto si stia per realizzare, o si desidera far partire, compilare un Action plan è uno strumento fondamentale. Sarà questo a guidarci nelle nostre azioni, e a permetterci di rispettare tempi e obiettivi.

Ma attenzione: l’action plan non serve solo per grandi progetti o per imprese titaniche, può essere utile anche per piccole cose, perché magari si inseriscono in un contesto complicato, o perché smuovono in noi delle forti emozioni, che non sappiamo come gestire. O semplicemente, ci aiuta a scandire i nostri tempi.

Ecco quindi, qualche consigli per stilarlo e usarlo al meglio.

 

Primo step: definisci il tuo target

È il pre-requisito fondamentale. Devi sapere dove vuoi arrivare. Ed è importante che sia un obiettivo raggiungibile, misurabile e concreto. Non porti delle mete impossibili: ti creerebbero solo ansia e frustrazione.

Il consiglio: se il tuo obiettivo è troppo impegnativo, ragiona per traguardi intermedi. Lo renderai più fattibile. E oggi meta raggiunta, sarà un’iniezione di autostima.

 

Secondo step: stabilisci le tempistiche

Decidi la data entro la quale il tuo progetto si deve realizzare e calcola il denaro (se si tratta di un obiettivo di lavoro) necessario. È importante che il rapporto tra questi due elementi sia in equilibrio: perché se investi troppo tempo in un’attività che non dà un ritorno (non solo economico), devi rivedere il tuo obiettivo.

Il consiglio: considera le variabili. Non lasciarti sorprendere dagli imprevisti e dai contrattempi. Progetta il tuo piano nei minimi dettagli e considera tutti gli elementi che possono entrare in gioco.

 

Terzo step: misura il valore

Le azioni che compi, le energie che spendi, il tempo che dedichi per il raggiungimento del tuo target deve generare valore. Devi avere un ritorno, anche su piani immateriali, difficili da quantificare: comunicazione, diffusione, self branding. Ma è importante che tu ne abbia sempre la percezione, e lo tenga sotto controllo.

Il consiglio: periodicamente, dedicati del tempo per vericare e annotare gli sviluppi e i passi avanti compiuti.

 

Un ultimo consiglio: per chiarirti le idee, ecco un esercizio molto utile, che ti permetterà di mettere nero su bianco il tuo action plan.

Prendi un foglio bianco e disegna una croce abbastanza grande. Parti dal quadrante in alto sulla destra e scrivi il termine “alleati”. Ora, in senso orario, scrivi su ogni quadrante: “smettere di fare”, nemici, e sull’ultimo in alto a sinistra, scrivi “iniziare a fare”.

Completalo, iniziando dagli alleati: elenca i nomi delle persone che ti possono aiutare in questo progetto. Amici, colleghi, famigliari, etc.

Poi passa ai nemici, ovvero annota chi ti potrebbe ostacolare. Dopo, segna le cose che devi assolutamente smettere di fare per il raggiungimento del tuo obiettivo. Dentro di te lo sai, devi solo guardarti dentro.

Ecco, non rimangono che le cose che devi iniziare a fare: completa questo quadrante e otterrai la tua To do list da seguire. Non ti resta che inserire l’elemento temporale e ottenere il tuo action plan.

Francesca Zampone

 

 

Francesca Zampone

Autore: Francesca Zampone

Talent Manager, Formatrice, Career Counselor, Personal e Business Coach. Dopo anni di carriera in ambito aziendale nel 2011 insieme a Marco Bonora ho fondato Accademia della Felicità, una realtà che ha al centro le persone e i loro desideri. Siamo una società di formazione e coaching: il nostro principale obiettivo è aiutare le persone a trovare la loro felicità, in ambito personale e professionale. Sono appassionata di comportamento umano, musica indie, cinema e letteratura.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *