Lettere dalla Preside – Perseveranza e passione

Arrivo da qualche giorno a Londra, dove niente è andato come doveva andare. Sono riuscita a godermi la città solo per una giornata. È stato comunque tutto molto bello e intenso per me anche se solo per poche ore. Sicuramente imparare a vivere il momento è uno dei grandi insegnamenti del coaching, come la perseveranza.

Questo è un momento in cui sia io in prima persona, sia ADF in quanto azienda raccogliamo i frutti del lavoro costante di questi anni: sono stata a Unomattina (davvero inaspettato), stiamo organizzando un evento importante per il mondo delle Aziende, il nostro Master ha sempre più successo. Se penso a tutte le volte che in questi anni ho fatto fatica e a quanta ancora ne faccio, penso soprattutto alla PERSEVERANZA che ci è voluta per arrivare fino a qui. Vuoi per crisi generazionale, vuoi per il mestiere che facciamo, vuoi per spirito di emulazione, sono tantissime le persone che vengono in ADF e ci dicono “voglio lasciare il mio lavoro e mettermi in proprio”.

Ne siamo sicuramente lusingati, ma oltre a seguire l’utilissimo workshop di Micaela Terzi Business coaching per artisti e creativi, questi sono i miei consigli:

·       NON FATELO perché vi sentite obbligati.

·       NON FATELO perché vi sembra uno stile di vita glam.

·       NON FATELO perché pensate che la nostra è una instalife.

·       NON FATELO pensando di lavorare di meno.

·       NON FATELO pensando che sarà più facile di stare in azienda.

·       NON FATELO per guadagnare il vostro primo milione di euro.

·       NON FATELO prima di avere risolto i vostri problemi di soldi.

·     FATELO perché vi sembra un’urgenza irrinunciabile, perché non potete fare altro, perché sentite la chiamata.

Se in questi anni non ho mai mollato è stato perché adoro il mio lavoro, mi piace, mi diverte e non mi stanca mai, è dunque TROPPO BUONO per me per poterlo mollare, nonostante tutto. Mia madre mi diceva sempre che avere un figlio è come farsi un tatuaggio in faccia che dura per tutta la vita. Mettersi in proprio è piuttosto simile secondo me: a volte fa male, ma è un istinto e quindi non potrà che farvi bene se ci credete fino in fondo.

Essere imprenditore significa anche essere sempre in evoluzione, come ADF. L’orientamento della nostra azienda è sempre più legato alla propria realizzazione nel mondo del fare e a qualche riflessione dirompente. Nelle prossime settimane vedrete dunque sparire molti percorsi più legati al mondo dei sentimenti e del femminile. Non temete, non sono argomenti perduti: li tratterò io sul mio sito personale.

Alla prossima!

Francesca

Autore: Francesca Zampone

Nel 2011 sono stata chiamata da Marco Bonora per contribuire alla fondazione di Accademia della Felicità. Sono Coach dal 2005 e mi occupo di Career Coaching e Talent Management dallo stesso anno. Mi sono occupata a lungo di Diversity e Change Management in ambito risorse umane fino a diventare la responsabile risorse umane della mia casa discografica del cuore. Negli ultimi anni mi sono specializzata in Coaching delle relazioni e ho sviluppato un sito dedicato alle mie attività personali: www.francescazampone.com. Ho 48 anni, vivo e lavoro a Milano, ma Londra è la mia città del cuore. Sono appassionata di comportamento umano, musica, letteratura, cinema.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *