Cambia la tua realtà e raggiungi i tuoi obiettivi in 3 step

Nella mia vita ho affrontato molti cambiamenti, ho raggiunto obiettivi che, prima di essere realizzati, apparivano come sogni a occhi aperti. Sono caduta e mi sono rialzata parecchie volte e, ogni volta, l’ho fatto con una nuova consapevolezza. La crescita personale è un viaggio alla scoperta di sé, fatto di tappe intermedie, soste più o meno lunghe, battute d’arresto e caparbie risalite. Se scegli di proseguire quel viaggio, ti troverai a contemplare paesaggi dello spirito che non avresti mai immaginato. Ne vale la pena sempre, anche nei momenti in cui gli ostacoli che incontriamo sul cammino sono così grossi e all’apparenza insormontabili, che la tentazione di fermarsi è legittima. Come si fa a non arrestarsi anche quando ci troviamo di fronte a una prova che ci fa pensare “questa volta non ce la faccio”? Non ho formule magiche da confidarti ma posso rivelarti il processo di cambiamento che ha funzionato e continua a funzionare per me, in qualunque ambito e in qualsiasi circostanza.

3 step per affrontare gli ostacoli della vita

Il processo di trasformazione delle situazioni avverse che viviamo è fatto di 3 step:

  1. Accettazione. Imparare a convivere con la situazione che è diventata il nostro nuovo status quo. Senza drammi né fughe dalla realtà.
  2. Fiducia assoluta. Credere senza alcun dubbio di poter attuare il cambiamento che si desidera.
  3. Impegno. Essere disposte a fare tutto ciò che è necessario per attuare il cambiamento.

Potresti pensare che una cosa esclude le altre e che non è possibile compiere tutti e 3 gli step. Ma ti assicuro che sono necessari tutti gli step, esattamente in quest’ordine.

Limitare i pensieri negativi

Quando ci capita qualcosa di sgradevole, di difficile o addirittura di catastrofico, la mente tende a dipingere nella nostra immaginazione scenari apocalittici. Iniziamo a pensare che nulla sarà più come prima e che ci attende un futuro cupo e disperato. La mente fa solo il suo lavoro: cerca di proiettarci nel peggior scenario possibile, in modo che possiamo prepararci a far fronte alle avversità. Ma questo non aiuta il nostro animo, che tende a incupirsi. Ecco perché i pensieri negativi non devono avere uno spazio di manovra eccessivo, altrimenti tutte le tue azioni saranno guidate dalla paura, saranno difensive e non propositive.

Il potere dell’accettazione

Il primo step è il più importante di tutti: accettare la nuova realtà ed essere consapevoli che potrebbe essere una condizione permanente. L’accettazione non è un’attitudine tipica delle persone deboli, come spesso si crede. Accettare le cose per come sono è un atto che ti rende potente. Perché, nel momento in cui accetti qualcosa esattamente per come è, ti apri alla possibilità di far emergere il tuo modo di essere in una versione ancora migliore, lasci spazio alla creatività e alla sperimentazione di nuove vie che non credevi nemmeno possibili. Del resto, a cosa serve sprecare energie, tempo e attenzione per cambiare una realtà che è, in questo preciso momento, evidentemente immutabile? È più proficuo impegnare quelle risorse coltivando una fiducia assoluta nel futuro che vuoi mettere in atto (step 2) e negli sforzi per ottenerlo (step 3). L’accettazione totale del momento di vita che stai attraversando ti restituisce energia, tempo e attenzione che puoi impiegare in modo più soddisfacente nel credere che ciò che desideri è possibile.

La fiducia assoluta e l’impegno verso i nostri desideri

La fiducia assoluta non viene naturale, va coltivata, soprattutto quando stai attraversando un periodo difficile e devi ricostruirti dalle macerie. Quando inizi a concentrarti sul credere senza alcun dubbio, inizi a visualizzare che ciò che desideri è possibile. E quando ci credi con tutta te stessa, il desiderio si trasforma, diventa quasi un dato di fatto tangibile. Una volta che siamo state in grado di accettare la nostra nuova situazione e, nonostante – o in virtù di – questo, di nutrire una fiducia incrollabile nella realizzazione del nostro desiderio, abbiamo preparato il terreno che ci porterà naturalmente al terzo step. Ci impegniamo a compiere azioni nuove, provare strade alternative, essere disposte a tentarle davvero tutte pur di riuscire a trovare anche una sola cosa che funzioni e sostenga il nostro obiettivo. È in quel momento che si innesca il cambiamento. E non sempre è un cambiamento repentino, evidente, facile da attuare.

Riprendere più volte i 3 step

Nella fase di cambiamento la tua convinzione potrebbe essere messa a dura prova. Sentirai una vocina dentro di te che ti dirà “non dovrebbe essere così difficile” o “a quest’ora il tuo obiettivo dovrebbe essersi già realizzato”. Nel momento in cui la tua vocina ti sussurrerà le sue obiezioni – e ti assicuro che succederà – riprendi i 3 step: accettazione, fiducia assoluta, impegno. Nessun sogno è impossibile se ti lasci guidare da queste indicazioni. Questo vuol dire che, anche quando le cose sembrano andare peggio anziché migliorare, anche quando le risposte non solo quelle che avresti voluto, anche quando non riesci a vedere strade praticabili, ti impegnerai ogni giorno ad accettare la tua realtà com’è in quel preciso momento, continuerai a credere in modo fermo che riuscirai ad ottenere ciò che vuoi, compirai moltissime azioni – anche se ti spaventano, se sono fuori dalla tua zona di comfort o se appaiono azzardate – per raggiungere il tuo obiettivo.

Quindi ora ti domando:

  • Sei disposta ad accettare la realtà e un futuro che non si profila rosa e fiori?
  • Sei pronta a credere senza il minimo tentennamento che ciò che vuoi è possibile?
  • Sei aperta alla possibilità di compiere azioni forti, sfidanti e che potrebbero farti sentire smarrita?

Se hai risposto sì, come mi auguro, a tutte e tre le domande, allora non aspettare oltre e comincia oggi stesso a cambiare la tua situazione con questi 3 step, uno step alla volta.

Autore: Francesca Zampone

Nel 2011 sono stata chiamata da Marco Bonora per contribuire alla fondazione di Accademia della Felicità. Sono Coach dal 2005 e mi occupo di Career Coaching e Talent Management dallo stesso anno. Mi sono occupata a lungo di Diversity e Change Management in ambito risorse umane fino a diventare la responsabile risorse umane della mia casa discografica del cuore. Negli ultimi anni mi sono specializzata in Coaching delle relazioni e ho sviluppato un sito dedicato alle mie attività personali: www.francescazampone.com. Ho 48 anni, vivo e lavoro a Milano, ma Londra è la mia città del cuore. Sono appassionata di comportamento umano, musica, letteratura, cinema.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *