Come trovo la strada per il successo?

Il successo è una realizzazione progressiva di un obiettivo valido o di un ideale.” (Earl Nightingale)

Una definizione che trovo molto efficace e di cui vi ho parlato qualche tempo fa in un altro articolo in cui affrontavo l’eterna dicotomia che spesso mette in difficoltà le persone: essere felici o avere successo? Oggi vorrei entrare più nel vivo della questione e affrontare un aspetto più spinoso, che potremmo riassumere con questo interrogativo: come trovo la strada per il successo?

Una domanda che naturalmente non porta con sé una risposta univoca, ma semmai una riflessione univoca quanto sfaccettata.

Procediamo con ordine.

Intanto chiariamo che non esistono formule magiche, nessuno può assicurarti il successo, neanche i fantomatici guru che in tre mosse promettono di farti raggiungere tutto ciò che desideri.

D’altra parte, l’equazione D + R x = S, in cui D sta per denaro, R per ruolo e S per successo è assolutamente saltata ed è saltata per via di quella complessa variabile x che rappresenta l’individuo in tutta la sua interezza.

Quali credenze bloccano il raggiungimento del successo?

Ebbene sì, siamo anzitutto persone ed è utopistico pensare che il successo si possa misurare considerando solo elementi strettamente connessi alla vita professionale e per di più esterni alla persona. Il denaro e il ruolo sono infatti due elementi che non definiscono chi siamo, come stiamo fisicamente e psicologicamente, quali sono i nostri obiettivi come individui e a che punto siamo rispetto alla nostra visione e alla nostra mission.

Siamo esseri umani e come tali siamo esseri complessi e a definirci è molto più della somma delle singole parti. Lo sappiamo. Ne siamo consapevoli. Ma non ci basta.

Per quanto tutti i giorni tocchiamo con mano quanto sia così, ci ritroviamo poi a fare i conti con il nostro critico interiore che puntuale si presenta senza invito, si siede di fronte a noi, o addirittura accanto, e ci ripete con insistenza che finché non abbiamo un conto in banca da mozzare il fiato e non occupiamo un certo ruolo in azienda… non possiamo certo definirci persone di successo.

Cambiare paradigma per costruire il proprio successo

Occorre un cambio di paradigma, ricordi quando parlavamo della nostra ostinata volontà a vivere il cambiamento usando vecchi modelli?

Esattamente come in quella situazione dobbiamo uscire dalla gabbia che ci spinge ad associare il successo all’equazione di cui parlavamo poco fa e a costruire la nostra personale “ruota del successo”.

Primo step: disegna un cerchio, dividilo in spicchi e inseriamo le seguenti voci, attribuisci un valore da 1 a 10 in base a quanto soddisfi ognuna di queste aree:

  1. Benessere fisico
  2. Benessere psicologico
  3. Tempo libero
  4. Relazioni
  5. Realizzazione
  6. Contributo al mondo
  7. Indipendenza
  8. Riconoscimento economico
  9. Prospettive di crescita rispetto ai tuoi obiettivi
  10. Soddisfazione

Secondo step: disegna un altro cerchio con gli stessi spicchi e attribuisci a ogni spicchio un valore in termini di importanza rispetto ai tuoi valori personali.

Terzo step: confronta le due ruote. Che cosa noti?

 

Il risultato ti ha messo in crisi? O semplicemente non sai come applicarlo alla tua vita per costruire il tuo personale piano per raggiungere il successo? Scrivici a info@accademiafelicita.it e fissa un incontro gratuito e senza impegno, per fare il punto sulla tua vita professionale e ritrovare slancio e motivazione.

 

 

 

Ilenia La Leggia

Autore: Ilenia La Leggia

Piena di energia, estroversa (a tratti), intuitiva e sognatrice, sono appassionata di comportamento umano, comunicazione efficace, tecnologia e lettura. Le contraddizioni sono il mio humus, le domande la mia fissazione. La mia fase dei perché non si è ancora conclusa. Laureata in Sociologia e con un Master in eventi ho lavorato in comunicazione e nell’organizzazione degli eventi B2B per oltre 15 anni, ho fondato un magazine, ne ho diretto un altro e curato la promozione e il lancio di numerosi brand internazionali. Nel 2016 ho frequentato il Master in Coaching di Accademia della Felicità, oggi sono una Coach abilitata e studio costantemente per supportare le persone a superare i meccanismi auto-limitanti. I miei punti di forza? Capacità organizzativa, empatia e sintesi.  Il mio credo? Ci troviamo continuamente di fronte a una serie di grandi opportunità brillantemente travestite da problemi insolubili!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *