Fermarsi per rinascere: impara l’arte di fare una pausa

Da secoli la società occidentale in cui viviamo apprezza e promuove il fare, il conseguire successi, la velocità. Il risultato di questa cultura del “non-stop” è certamente molta produttività, ma poca vita. Ci sono tempi di semina, altri di raccolto, e poi ci sono i tempi di riflessione.

Fermarsi è una tappa fondamentale di qualsiasi percorso, sia esso un progetto di lavoro per l’azienda o il raggiungimento di un obiettivo personale. Fermarsi permette alla calma di bilanciare l’esplosione di energia che scaturisce dal fare, dall’agire. È proprio in un momento di stop che avvengono i grandi cambiamenti.

Quando ci fermiamo, abbiamo il tempo per riflettere ed elaborare ciò che è avvenuto fuori e dentro di noi. Le pause donano la giusta prospettiva e ci permettono di vedere le cose con occhi nuovi. È solo dopo che ci siamo fermati un attimo che riusciamo ad apprezzare ciò che abbiamo nel presente, ed è solo allora che abbiamo la lucidità di prendere una decisione importante.

Darsi il permesso di fare una pausa – nella giornata lavorativa, all’interno di una discussione, in una fase particolarmente faticosa della vita – ci consente di “tornare a funzionare” in modo sano. Proprio come dormire serve all’organismo per ricaricarsi. È la pausa fra le note musicali che dà significato alla melodia. È quando il pittore si ferma ad osservare il suo operato che realizza che cosa manca alla tela.

Prova a fermarti, guardati intorno, silenzia lo smartphone e, se puoi, entra in contatto con un ambiente naturale: scoprirai la saggezza racchiusa nel sapersi fermare. La tempesta non dura una settimana, il bambino non può piangere all’infinito. Tutto ha (e merita) una pausa. Attraverso i momenti di fermo riusciamo ad attingere a una serie di strumenti essenziali per vivere una vita appagante.

Costruire relazioni sane e rapporti soddisfacenti, pianificare strategie vincenti, regalare emozioni a chi amiamo, o semplicemente sostare nel presente con serenità: questi sono solo alcuni dei benefici del fermarsi.

C’è virtù nel lavoro e c’è la virtù nel riposo. Usa entrambi e non trascurare nessuno dei due.
Alan Cohen

Incontreremo sempre ostilità e critiche. Ci imbatteremo sempre in ostacoli e difficoltà. Ma non importa, perché quando sperimentiamo il valore del dire “stop”, impariamo davvero a costruire le solide basi per un’esistenza che ci appartiene, e non che sentiamo come un peso soffocante. Basta accogliere il piacere del non fare, non agire, e abbracciare il silenzio, il non-movimento, per osservare la realtà da un nuovo punto di vista. A volte è sufficiente fermarsi – un’ora, un giorno, un istante quanto basta – per ribaltare completamente una situazione. Una giornata piena di impegni lavorativi, che alterna riunioni e richieste su richieste, può rallentare e prendere una piega diversa, semplicemente fermandosi un attimo. Forse quel collega si è sentito attaccato, forse ha avuto una giornata faticosa tanto quanto la mia: ed ecco che un momento di distacco dalla situazione stressante ci permette di provare qualcosa di nuovo, un’emozione che prima non c’era. L’empatia, e improvvisamente capiamo quello che prima non vedevamo chiaramente.

Andiamo lenti, fermiamoci. E sapremo riprendere il cammino illuminati da una luce più grande.

Fermarsi è un impegno

Prendi un quaderno e scrivi queste domande:

  • Che cosa significa fermarsi per te? Fai degli esempi pratici.
  • Ti stai concedendo abbastanza pause nella tua vita, nel tuo lavoro, nelle tue relazioni? Descrivi i momenti di stop che ti sei dedicato nelle due ultime settimane.
  • Per quale aspetto della tua vita potresti beneficiare maggiormente di una pausa in questo momento?

Ora prenditi una decina di minuti per rispondere. Riguarda le tue risposte, rifletti. Poi fermati. E tornaci su l’indomani. Come ti senti?

Seconda parte dell’esercizio: ora scrivi nella tua agenda, o calendario, un momento quotidiano interamente dedicato alla pausa, al fermarsi, al non fare. Non dovrai fare niente, è proprio questo lo scopo. Un’ora, dieci minuti: decidilo tu, ma scrivilo come fosse un impegno vero e proprio che non puoi rimandare. Ha la stessa importanza della visita medica, della spesa, o di una commissione di routine.

Lontano da tutte le attività, gli schermi, le conversazioni, le informazioni, i conflitti, le preoccupazioni, le to-do list, gli impegni… Sarai in grado di dare un senso più ampio a tutto il resto.

Logo ADF

Autore: Redazione

La redazione di ADF si occupa di cercare nuovi spunti e idee per gli articoli del nostro blog, tenere i contatti con gli autori, condividere gli articoli anche sui nostri social network... In poche parole tenervi sempre aggiornati su tutto quello che succede in Accademia della Felicità.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *