Obiettivi: se non li scrivete non esistono

Nel mese di agosto mi ero ripromessa di fare tutta una serie di cose. Leggere la pila di libri che ho accumulato ai piedi del letto, lavorare a un progetto personale, sistemare il mio studio, finire una serie di lavoretti creativi.

A settembre mi sono ritrovata con la stessa identica pila di libri ai piedi del letto, nessun progresso per il mio progetto personale, lo studio ancora più disordinato di prima e nessun lavoro creativo portato a termine. In più a tutto questo si è aggiunto un pizzico di senso di colpa. Solo un pochino, perché in realtà mi sono detta che ad agosto avevo anche in programma di riposarmi, e quindi se non ho fatto tutte queste cose amen.

Però mentre cercavo un attacco per questo post, che voglio dedicare agli obiettivi di business, mi è venuto in mente come ho gestito le mie vacanze e ho capito che cosa non ha funzionato. Mi sono data degli obiettivi, e ok. Erano anche obiettivi che avrei potuto raggiungere senza grossi sforzi, perché oltretutto riguardavano cose che volevo fare principalmente per il mio piacere, e non per dovere. Però il mio errore è stato abbandonare la mia agenda.

Attenzione! Questo post non parla di manie di controllo e di insane passioni per le agende e la pianificazione. Semplicemente si basa su un semplice, spesso scontato, consiglio.

Se non scrivete i vostri obiettivi o le cose da fare nero su bianco, è probabile che non le farete mai.

Funziona così anche con gli obiettivi di business. Siamo bravissimi a raccontarceli nella nostra testa, a pianificare tutte le azioni che ci renderanno ricche e famose entro la fine dell’anno, ma se non le scriviamo, se non le fissiamo da qualche parte, sarà difficile farle.

Io volevo chiamare la mia commercialista a inizio agosto. E l’ho sentita l’altro giorno. Per fortuna quello che dovevo chiederle non era collegato a nessuna scadenza importante, ma avrei comunque potuto avere le informazioni di cui avevo bisogno un mese prima, e ritrovarmi adesso pronta all’azione…

La seconda cosa da fare quando avete scritto nero su bianco i vostri obiettivi di business, è guardare la lista e capire esattamente quali fanno veramente per voi e quali invece sono stati scritti per puro senso del dovere, o perché li avete sentiti nominare da qualcuno durante un seminario o perché li avete letti su un libro. In pratica, i vostri obiettivi di business funzioneranno se avranno dietro un “perché” reale. Guardate la vostra lista e chiedetevi se sapete esattamente perché li avete scritti, perché li volete raggiungere. Se rimanete a fissare l’elenco con la tipica espressione a forma di punto di domanda, depennate i vostri obiettivi di business e scrivetene altri.

I vostri obiettivi di business non dovrebbero basarsi esclusivamente su cose come i soldi, le metriche ecc. Sono importanti, certo. Ma perché gli obiettivi di business possano funzionare, avete prima bisogno di una vision chiara. Poi arriveranno anche i soldi e le metriche ecc. ecc.

Ma come fare a lavorare concretamente sulla vision? Qui torniamo al consiglio iniziale. Scrivetela nero su bianco. Oppure visualizzatela attraverso delle immagini. La scelta deve essere dettata da quello che vi fa sentire più a vostro agio… Se per voi funziona disegnare, scarabocchiare, scrivere, allora prendete carta e penna e provate a pensare a dove volete essere tra un anno, a come vi immaginate il vostro business. Chiedetevi quante ore volete lavorare, dove volete farlo. Domandatevi se vi vedete alle prese con una serie infinita di riunioni, incontri di networking, brainstorming con un gruppo di lavoro, o se prevalentemente lavorate da sole, alla vostra scrivania. Domandatevi quanto volete guadagnare, quanto tempo libero volete avere, quali sono le cose importanti per voi, i valori che volete trasmettere attraverso il vostro lavoro. Chiedetevi che servizi volete offrire, e con che modalità.

Si tratta di un esercizio preliminare, non preoccupatevi. Ci sarà il tempo per rendere questa visione il più concreta possibile. Per adesso il consiglio è IMMAGINARE il vostro business e visualizzarlo. Scrivendo i vostri obiettivi oppure visualizzandoli attraverso immagini che potete cercare in internet o su giornali e riviste. Anche in questo caso la scelta deve essere fatta secondo quello che vi fa sentire più a vostro agio. Se preferite fare un collage di immagini e frasi ritagliate, prendete subito forbici e colla. Se invece vi sentite più a vostro agio con il digitale, Pinterest è una buona soluzione. Create una bacheca virtuale e iniziate a caricare immagini che avete trovato on line, o cercatele su altri profili e “ripinnatele”.

Non pensate che questo esercizio sia inutile. Perderete molto più tempo se vi terrete nella testa la vostra idea di business e i vostri obiettivi. Mentre se li scriverete o li visualizzerete avrete a disposizione uno strumento che vi mostrerà la strada da percorrere. Il passo successivo è infatti quello di chiedersi: ora che ho definito cosa voglio e perché, come faccio ad arrivare fin lì?

Ebbene, andate a ritroso, e costruire la vostra strategia per arrivare fino a dove vi siete prefissate. Vedrete che è molto più facile a farsi che a dirsi…

Se lavorerete sulla vostra vision, a fine anno vi accorgerete che avrete raggiunto tutti i vostri obiettivi, o quasi tutti. Prima dovete visualizzare la meta; il resto è solo pianificazione dei passi necessari per arrivare a quel punto. 

Micaela

Autore: Micaela Terzi

Responsabile comunicazione di ADF, giornalista, esperta di comunicazione, imprenditrice seriale, startupper in tempi meno sospetti di questi sono introversa, riflessiva, pazza per la cancelleria e per i viaggi. Sto studiando al Master in Coaching di ADF per far diventare la mia passione per la formazione e per la trasformazione delle vite e dei progetti degli altri un lavoro.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *