Come aumentare la propria efficacia personale – prima parte

Come aumentare la propria efficacia personale ?

Sei affaticato, ti senti senza energia?

La tua vita è talmente piena che ti è impossibile solo pensare di aggiungere un altro hobby o stringere nuove amicizie? Hai la sensazione che potresti ottenere significativi cambiamenti ma non hai tempo, energia o soldi per raggiungerli?

Fermati e rifletti. Se tutto il tuo tempo è dedicato al “dovere compiere attività e obblighi” ma in realtà la tua aspirazione più profonda è raggiungere un tuo grande desiderio, non puoi magicamente inventare nuovo tempo per realizzare il tuo sogno. Il consiglio per fare quello che realmente vogliamo è fare di meno per altre cose. Vuoi diventare un runner? Bene, ogni giorno stai meno al computer e vai ad allenarti.

Semplice, no? Certo, ma non facile. Il punto non è massimizzare – fare di più in meno tempo – ma ottimizzare, cioè dedicare più tempo ed energia alle cose che veramente e profondamente desideriamo eliminando tutto ciò che ci impedisce di realizzare i nostri sogni più profondi.

Compila la lista dei tuoi successi

Diciamoci la verità: spesso siamo noi stessi i nostri peggiori nemici. Sappiamo essere così benevoli, attenti e accondiscendenti verso i successi altrui ma, per qualche oscura ragione, non sappiamo esserlo altrettanto con noi stessi. Sminuiamo i nostri successi ed enfatizziamo le nostre sconfitte. Bisogna abbandonare questa attitudine e permettere a noi stessi di avere il credito che realmente meritiamo. Bisogna smettere di creare confronti tra i nostri giorni peggiori e i giorni migliori degli altri. Così, invece di focalizzarci su quanto avremmo potuto fare meglio nell’ultimo anno, sediamoci, prendiamo un bel quaderno colorato, una penna e compiliamo la “Lista dei successi”. Che cosa è la “Lista dei successi”? Semplice: tutto quello che abbiamo fatto negli ultimi dodici mesi di cui siamo fieri. Possono essere cose grandi e impegnative – come ad esempio aver cambiato lavoro, città, casa, fidanzato, – così come cose piccole – come aver chiamato più spesso i nonni per salutarli, aver tenuto in ordine il terrazzo, aver imparato a cucinare una nuova ricetta e così via. Insomma tutto ciò che ci ha fatto sentire bene nell’ultimo anno descritto in modo dettagliato. Questo esercizio richiede pazienza e concentrazione.

Può essere organizzata  in diversi modi.

Possiamo dividere la nostra lista a seconda della sfera d’azione: lavoro, amicizia, amore, famiglia, denaro.

Oppure possiamo seguire un ordine cronologico, aiutandosi ad esempio con l’agenda per ricostruire il periodo esatto. Non ci sono regole fisse. Ognuno può fare la lista come meglio crede e come risulta più semplice.

Autore: Francesca Zampone

Nel 2011 sono stata chiamata da Marco Bonora per contribuire alla fondazione di Accademia della Felicità. Sono Coach dal 2005 e mi occupo di Career Coaching e Talent Management dallo stesso anno. Mi sono occupata a lungo di Diversity e Change Management in ambito risorse umane fino a diventare la responsabile risorse umane della mia casa discografica del cuore. Negli ultimi anni mi sono specializzata in Coaching delle relazioni e ho sviluppato un sito dedicato alle mie attività personali: www.francescazampone.com. Ho 48 anni, vivo e lavoro a Milano, ma Londra è la mia città del cuore. Sono appassionata di comportamento umano, musica, letteratura, cinema.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *