Cinque passi per un profilo LINKEDIN convincente

PASSO n 1

Sii minuzioso. Non trascurare i dettagli. Un profilo spoglio, essenziale o senza una foto ti farà apparire pigro o disinteressato all’uso di Linkedln.Compila ogni sezione e usa numeri specifici quando è possibile quantificare i tuoi risultati .

Puoi riordinare le sezioni del tuo profilo trascinandone una o eliminandone un’altra come se lo stessi revisionando.  Se vuoi, puoi anche dare rilievo alla tua carriera scolastica o le tue abilità mettendole in cima al tuo profilo.

Attenzione agli errori! Alcuni errori di ortografia possono passare inosservati su Twitter o Facebook dal momento che queste piattaforme sono più informali, ma se vuoi lasciare su Linkedln un’idea di te che sia il più professionale possibile non è una cattiva idea avere qualcuno che dia un’occhiata al tuo profilo.

Non trattare Linkedln come Facebook, cioè postando gossip sulle celebrità o usando emoticons e LOL. La chiave del successo di Linkedln è essere piacevole, di bell’aspetto e professionale alle stesso tempo.

 

PASSO n 2

Usa un titolo descrittivo. Il tuo nome apparirà nelle ricerche prima che qualcuno clicchi sul tuo profilo, quindi usa questo spazio per indurre le persone a “dare un’occhiata”.

Al posto di usare semplicemente il nome del tuo lavoro come titolo ( “CEO, Ali International, LLC”) suggerisco un nome che descriva la tua attività, quello che fai. Il tuo nome può riassumere ciò che puoi offrire piuttosto che ripetersi.

 

PASSO n 3

Usa la sezione sulle abilità. Molti degli utenti di Linkedln nemmeno sanno che esista una sezione come questa, ma molte persone d’affari che vogliono ingaggiare professionisti con determinate competenze usano questa sezione per individualizzare velocemente la persona giusta piuttosto che mettere un annuncio.

Per esempio se si ha bisogno di un consulente di social media con esperienza nell’uso di Instagram, basta andare su linkedin.com/skills e cercare tra i profili degli utenti che hanno segnalato Instagram tra le proprie abilità invece di condurre una ricerca più generica. Sul mio profilo personale di Linkedln, ho segnalato business coaching, web marketing, public speaking, e social networking tra le mie attività.

Aggiungi le tue abilità su linkedin.com/skills così le possibilità ti troveranno più facilmente.

 

PASSO n 4

Dai e richiedi Raccomandazioni. Le Raccomandazioni sono più dettagliate dei Supporti e di solito includono anche due righe sul perché al tuo collega / fornitore piace lavorare con te. Poche ma sincere e ben scritte possono davvero aiutare a costruire la fiducia e dare la dimostrazione sociale alle persone che sono indecise se ingaggiarti o meno.

PASSO n 5

Aggiornamenti regolari. Una volta che avrai creato il tuo profilo mantienilo fresco e aggiornato,

Un altro modo per mantenere il tuo profilo “vivo” è utilizzare qualche applicazione che aggiorni il tuo profilo per te. Se viaggi molto e desideri connetterti con le possibilità in quella città, prova Triplt. Se nella tua azienda leggi molti libri, c’è una Amazon Reading List app che puoi usare. Pubblica anche sul tuo profilo links e status rilevanti su di te o sulla tua compagnia.

 

Di questo e molto altro parleremo nel corso I LOVE MY JOB

Andare in ufficio, la mattina, è diventata un’agonia? Le vostre mansioni vi pesano talmente tanto da non riuscire più a farle con serenità (e in tempi ragionevoli)? Se entrambe le risposte sono positive, forse siete arrivati a un punto di svolta.

Anzi, senza forse. Se non volete condannarvi consapevolmente all’infelicità (perché è inutile negarlo: il lavoro condiziona quasi tutta la vostra esistenza), è arrivato il momento di trovare l’attività che avete voglia di fare, che vi rende felici, e che finalmente vi fa godere la domenica, senza il pensiero fisso del lunedì in arrivo.

Se pensate sia impossibile, ricredetevi. Il lavoro su misura per voi esiste, ma dovete andare a cercarlo. Dovete costruirlo come piace a voi. E in questo corso lavoreremo per individuarlo e definirlo, lasciando alle spalle tutto quello che vi hanno sempre fatto credere. Mettendo in discussione tutto quello che avete sempre pensato sul lavoro, sul vostro stile di vita, e sulle vostre relazioni. E costruiremo un percorso a tappe per trovarlo.

 

A chi si rivolge

A chi sta cercando lavoro, per la prima o per la decima volta. Ai professionisti in crisi. A chi ha perso il lavoro e si sta chiedendo se è una tragedia, o un’opportunità per migliorare.

 

Vai al corso

 

Autore: Marco Bonora

Introverso, ingombrante, risvegliato a 40anni da coma lavorativo cerca disperatamente persone appassionate di qualsiasi cosa. Offro ironia caustica, soluzione problemi, creatività, cucina gourmande e musica indie/alternative. Astenersi perditempo

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *