4 Cose da non fare quando cerchi lavoro (direttamente da chi se ne intende)

Ti senti in difficoltà  nel dover iniziare a cercare un nuovo lavoro?

Non importa se mosso dal desiderio di miglioramento o come accade sempre più spesso per necessità, sappi che è una sensazione diffusa e condivisa, rilassati (una tazza di tè e della buona musica in certe occasioni possono aiutare a schiarire i pensieri) è normale, ti stai avvicinando al cambiamento, una strada difficile ma non impossibile, confusione, disagio e un po’ di ansia fanno parte del normale bagaglio di questo percorso.

Ricorda che chi si occupa di selezione del personale appartiene al genere umano come te, un sorriso, gentilezza e buona educazione, una comunicazione chiara e coinvolgente sono le tue alleate più preziose.

Ecco cosa non fare:

  1. Passare giorni/settimane cercando di scrivere il cv perfetto, consolati non esiste e non sarà lui a farti trovare lavoro. Scrivi un cv con le informazioni più importanti, chiaro e coinciso (non dimenticarti i dati di contatto, sembra banale ma non sai quanti non ne ho ricevuti!!!).
  2. Farti prendere dal panico e rispondere a tutti gli annunci, il messaggio che passi è che dall’altra parte ci sia un imbecille che creda che tu possa essere il candidato giusto anche se non hai esperienza, non sai l’inglese e non conosci SAP ma…non si sa mai!!! Non è il modo migliore per iniziare una relazione.
  3. Spedire la tua candidatura a tutti gli headhunters , magari anche più volte al mese. Il tuo nome inizierà a circolare ma ti garantisco non nel modo in cui tu speravi! Fissa degli incontri poi scegli i due selezionatori con cui senti maggior feeling e lavora con loro, ricorda sono il tuo biglietto da visita sul mercato quindi scegli bene con chi instaurare una partnership.
  4. Non chiedere alle persone di parlare per te. Utilizza il tuo network personale, non avere paura di far sapere che cerchi lavoro ma non chiedere di portare il cv in azienda per te (più di quanto tu possa credere le persone sono in imbarazzo nel farlo e il cv rischia di restare nel cassetto della loro scrivania). Inoltre ti sei mai chiesto come sono considerate queste persone nella loro azienda? Le persone ti aiutano a creare il contatto poi entri in scena tu per presentare la tua candidatura. Ad esempio hai saputo di una posizione che ti interessa nell’azienda dove lavora un tuo amico, bene chiedi se puoi contattare chi segue la selezione dicendo che lui ti ha parlato di questa posizione.

Prova a fare questo esercizio: individua  5 parole chiave che meglio descrivono le tue competenze  e inseriscile ben visibili  nel tuo CV.

Consiglio: Evita di segnalare corsi di formazione non inerenti al tuo percorso professionale oppure risalenti al passato remoto.

Se vuoi approfondire l’argomento ecco l’Officina del Talento

 

 

Autore: Sara Monti